• IT

GARR

Alessandra Petrucci, rettrice dell’Università degli Studi di Firenze dal settembre 2021, si è laureata in Ingegneria civile a Firenze, dove ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Statistica applicata.

Alessandra Petrucci - C.d.A. Consortium GARR Ricercatrice dal 1997 di Statistica presso la Facoltà di Scienze politiche "Cesare Alfieri", è diventata nel 2002 docente associata di Statistica presso la Facoltà di Psicologia. Dal 2015 è professoressa ordinaria di Statistica sociale presso il Dipartimento di Statistica, Informatica, Applicazioni “Giuseppe Parenti”. Nell’Ateneo fiorentino è stata componente del Consiglio di Amministrazione (2013-2016) e, dal 2016, direttrice del Dipartimento di Statistica, Informatica, Applicazioni “Giuseppe Parenti” e membro del Senato Accademico.

È stata dal 2007 al 2014 componente del Consiglio Universitario Nazionale (CUN) per l’area delle Scienze economiche e statistiche. Ha avuto l’incarico di presidente della Conferenza dei direttori dei Dipartimenti delle Scienze economiche e statistiche nel biennio 2019-2020 e di presidente del Comitato consultivo dell'ANVUR dal 2016 al 2020. Dal 30 giugno 2022 è componente del CUN in rappresentanza della Conferenza dei Rettori delle Università italiane.

GARR

Massimo Bernaschi si è laureato in Fisica nel 1987 con Giorgio Parisi lavorando allo sviluppo del computer APE dell'INFN.

Massimo Bernaschi - Vice Presidente del Consortium GARRHa lavorato per 10 anni nello European Center for Scientific and Engineering Computing dell'IBM.

Ha ricevuto due Outstanding Technical Achievement Awards dall'IBM.

Dal 1998 è Dirigente Tecnologo presso l’Istituto per le Applicazioni del Calcolo del C.N.R.

È Professore di Blockchain and Cryptocurrencies presso l’Università "LUISS" di Roma.

È delegato governativo presso l'Agenzia Europea della Difesa per il CapTech “Communication, Information System and Networks”.

Ha sviluppato pacchetti software open source come REMUS, OpenCapwap, SockMi, BitCracker.

Negli ultimi anni è stato molto attivo nella programmazione di Graphics Processing Units (GPU).

Nel 2012 ha ricevuto, per i risultati ottenuti in questo campo, il titolo di CUDA Fellow dalla Nvidia.

Ha fatto parte della task force dei Ministero dell'Innovazione per la gestione dei dati durante l'emergenza COVID-19.

GARR

Marco Ciuchini è un fisico teorico, dirigente di ricerca dell’INFN.

Marco Ciuchini - C.d.A. Consortium GARR Si occupa di teoria e fenomenologia delle particelle elementari e ha lavorato prevalentemente su argomenti di fisica del sapore dei quark e di fisica elettrodebole nel Modello Standard e oltre.

Autore di oltre 150 pubblicazioni, ha lavorato in particolare sulla fisica delle B factories di prima e seconda generazione ed è stato co-fondatore della collaborazione UTfit, che studia la fenomenologia della matrice di Cabibbo-Kobayashi-Maskawa. È tra gli sviluppatori del tool HEPfit pensato per combinare in maniera sistematica vincoli sperimentali diretti e indiretti sui modelli teorici e utilizzato sia nell’ambito della fisica del sapore che della fisica elettrodebole a LHC e degli studi del physics case di FCC.

Ha iniziato la sua attività presso la Sezione Sanità dell’INFN e in seguito si è spostato alla Sezione di Roma Tre, di cui è stato direttore dal 2011 al 2019. È stato fellow della divisione teorica del CERN e visiting scientist al CERN e alla Technische Universität München. Dal 2011 al 2015 ha fatto parte del consiglio scientifico del Laboratoire de l'Accélérateur Linéaire di Orsay. È attualmente vicepresidente e componente della giunta esecutiva dell’INFN.

GARR

II Presidente è nominato dal Consiglio di Amministrazione tra i propri componenti ed ha la rappresentanza legale del Consortium GARR. Il Presidente dura in carica tre anni ed è rieleggibile una sola volta.

Maurizio Tira è stato eletto Presidente del Consortium GARR per il triennio 2022/2025.

Maurizio Tira - Presidente del Consortium GARR Laureato a pieni voti in ingegneria civile per la difesa del suolo e la pianificazione territoriale, è Professore Ordinario di Tecnica e pianificazione urbanistica presso l’ateneo lombardo, di cui è diventato rettore nel 2016.
Oggi insegna Urban planning and risk mitigation e Etica della sostenibilità ambientale nel corso di laurea magistrale in Civil and Environmental Engineering, fondato in qualità di presidente del Consiglio di Corso di laurea aggregato di ingegneria civile e ambientale.
È componente del collegio di Dottorato in Ingegneria Civile, Ambientale, della Cooperazione Internazionale e di Matematica e del Dottorato nazionale in Sustainable Development and Climate Change.

Ha coordinato numerosi progetti e gruppi di lavoro a livello europeo e dell’OCSE, sui temi della pianificazione urbanistica, con particolare interesse alla pianificazione in aree a rischio e alla mobilità e sicurezza in ambito urbano.

Ha fatto parte della Nuova Struttura Tecnica di Missione del MIT ed è componente della Commissione MIMS per la riforma della normativa nazionale in materia di pianificazione del territorio e del gruppo di esperti MIMS per il Comitato Interministeriale per le Politiche Urbane.

Autore di oltre 270 pubblicazioni scientifiche e relatore a innumerevoli convegni in Italia e all’estero è Socio corrispondente dell’Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna e socio ordinario dell’Ateneo di Scienze Lettere ed Arti di Brescia.

Dal 20 febbraio 2020 è Membro della Giunta della Conferenza dei Rettori delle Università italiane con delega all’internazionalizzazione.

Dal dicembre 2020 è Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica italiana.

GARR, Cosa realizziamo, Per conoscerci, Rete, GARR-T

GARR-T, come Terabit, è la nuova generazione di rete GARR. Si tratta di un’evoluzione della rete in produzione ma con caratteristiche innovative.

GARR-T è una rete tecnologicamente avanzata e costruita intorno alle esigenze degli utenti affinché sia a prova di futuro. I principali vantaggi sono la possibilità di adattarsi nel tempo, scalare e crescere rapidamente in capacità, capillarità e servizi erogati.

Una maggiore automazione è una delle principali novità dell’infrastruttura che sarà sempre più affidabile e misurabile attraverso sofisticati sistemi di monitoraggio.

I numeri

I numeri della nuova rete sono consistenti: sono previsti 700 km di nuove tratte in fibra ottica, 42 PoP ottici distribuiti su circa 6.000 km di fibra e 9 nuovi PoP metropolitani. Nel progetto ci sono altre 6 città con un doppio PoP per garantire ridondanza e incrementare l’affidabilità.

L’infrastruttura completa è dieci volte più potente: nella dorsale, dall’attuale capacità complessiva di 3,5 Tbps si arriva a 40 Tbps, mentre per l’accesso il salto è da 2 a 10 Tbps.

Evoluzione dalla rete attuale GARR-X alla rete di nuova generazione GARR-T
Logo GARR-T

Le tecnologie

La nuova rete ha due componenti principali: la rete a pacchetto e la rete ottica.

Rete a pacchetto: rinnovata e sempre più capillare

L'architettura e la tecnologia di GARR-T

Vuoi sapere di più su rete a pacchetto e rete ottica?

Apri

La rete a pacchetto sarà completamente rinnovata con la sostituzione di tutti gli apparati su tutto il territorio nazionale. L’architettura dell’infrastruttura è basata sul modello utilizzato per i data centre: ovvero con nodi definiti Spine e Leaf, per l’aggregazione e l’accesso, e nodi Edge, per la terminazione e il servizio verso l’esterno.
In questo modo, pur mantenendo uniformità e uguaglianza nei servizi, si favorisce la capillarità della rete, garantendo l’agilità nei nodi più piccoli e lasciando l’impatto maggiore (energetico e di spazi) solo sui nodi di core.

Rete ottica: flessibile, efficiente e sostenibile

La rete ottica prevede delle importanti novità all’insegna della flessibilità, della adattabilità alle esigenze degli utenti e alla creazione di nuovi servizi. Si basa su un modello parzialmente disaggregato, nel quale la fibra e gli apparati sono visti mattoncini differenti che, combinati tra loro, producono l’infrastruttura hardware ottica di trasporto.
Questo modello consente allo stesso tempo efficienza e sostenibilità nel tempo perché svincola il ciclo di vita della fibra da quella degli apparati permettendo anche di operare una rete indipendentemente dal fornitore degli apparati utilizzati e quindi evitando un lock-in tecnologico. Per fare questo, la piattaforma si basa sull’uso di un sistema di linea aperto (OLS, Open Line System) che insieme alla fibra ottica e ad un sistema software di gestione e controllo, fornisce l’infrastruttura attiva, capace di instradare qualunque segnale ottico. Si tratta di una tecnologia abilitante alla gestione flessibile dello spettro ottico per la condivisione di spettro e lo sviluppo e la diffusione di applicazioni come il trasporto di tempo e frequenza o la Quantum Key Distribution.

Nuovi servizi

GARR-T: servizi di rete e funzionalità

Vuoi sapere di più su i nuovi servizi?

Apri

La rete GARR-T è pensata per offrire agli utenti nuovi servizi e la possibilità di gestirli in autonomia sulla base delle proprie necessità.

Calcolo distribuito

Tra i servizi disponibili che caratterizzano la nuova rete, c’è quello del Data Centre Interconnection, ovvero l’interconnessione a distanza di data centre come se fossero un unico centro di calcolo utilizzando direttamente la rete ottica. Il modello parzialmente disaggregato dà la possibilità, infatti, alle sedi degli utenti di interfacciarsi direttamente all’Open Line System creando un canale ottico dedicato (end-to-end). Questa nuova possibilità è sfruttabile anche con costi contenuti, sia in termini economici che di spazio e consumi, grazie all’utilizzo di apparati altamente specializzati e modulari.
Questo modello risponde anche all’esigenza di calcolo di grandi collaborazioni scientifiche (Data Lake) in cui la gestione e l’accesso ai dati avviene localmente, mentre le risorse di calcolo possono essere distribuite geograficamente.

Cammini ottici e condivisione di spettro

GARR-T prevede, inoltre, l’introduzione di cammini ottici (lightpath) e l’uso dello spettro che rappresentano il collante con nuove applicazioni e aprono nuove potenzialità per gli utenti. Questi servizi saranno di fondamentale importanza per il collegamento con le infrastrutture internazionali, ad esempio rendendo disponibile una porzione dell’infrastruttura fisica attraverso l’accesso allo spettro.
La condivisione di spettro è un fattore molto importante per espandere ovunque le potenzialità della rete laddove ci sono dei limiti economici o geografici, come nel caso dei cavi sottomarini o della fibra ottica in luoghi di difficile copertura.

Monitoraggio e automazione per una rete più affidabile

Grazie all’introduzione di meccanismi di automazione, la gestione di rete in GARR-T è più efficiente nell’individuazione tempestiva di possibili malfunzionamenti e di riconfigurazione immediata in caso di necessità.
L’automazione è fondamentale nella nuova rete: i processi che finora erano condotti in modo semi manuale vengono completamente rivisti e viene adottato un modello di astrazione che consente di vedere il network secondo le sue funzioni e non più come accesso alle singole componenti. Si tratta di un modello che ha al centro l’attitudine event-driven: ovvero la capacità di adeguarsi al cambiamento costante. Un meccanismo molto simile a quanto è in uso nel mondo ICT e cloud, ovvero il modello per intenti, che permette di evolvere i servizi in modo automatico.

Semplificazione dei servizi per tutte le esigenze

Una novità di GARR-T è la semplificazione della realizzazione di servizi grazie alla tecnologia di virtualizzazione “a container”, che scompone il processo in tanti agili microservizi.
GARR-T può contare su una infrastruttura cloud distribuita e nei vari nodi della rete saranno creati dei mini data centre nei quali ci saranno sia i servizi infrastrutturali fondamentali (monitoring, sicurezza, AAI, strumenti di analitica) che i servizi applicativi. Tra questi ultimi, l’obiettivo è di ospitare funzionalità di rete virtualizzate (sistemi di sicurezza come firewall o Intrusion Detection System) in modo da fornire un supporto agli utenti che dispongono di minori risorse o competenze tecniche.

GARR, Cosa abbiamo, Cosa offriamo, Rete, Cloud

Oltre a offrire una propria infrastruttura cloud dedicata alla comunità della ricerca e dell’istruzione, GARR rende disponibile ai suoi utenti l’accesso all’ OCRE Cloud framework, un insieme di accordi-quadro europei per il procurement semplificato di servizi cloud commerciali in modalità IaaS (Infrastructure as a Service, o infrastruttura come servizio), PaaS (Platform as a Service o piattaforma come servizio e SaaS (Software as service o software come servizio).

L’OCRE cloud framework è pensato per facilitare l’utilizzo del cloud in quelle situazioni in cui non sia possibile o conveniente utilizzare soluzioni in-house o dedicate, come la cloud GARR, per le proprie esigenze di cloud computing, o quando si vogliano affiancare ad esse delle risorse aggiuntive (ad esempio per assorbire picchi di calcolo).
L’acquisto di servizi cloud pubblici può essere un processo complesso e dispendioso in termini di tempo. L’OCRE Cloud Framework ha l’obiettivo di semplificare questi processi proponendo alla comunità della ricerca e dell’istruzione un portfolio di fornitori di cloud in tutta Europa e accordi di servizio pronti all’uso.

Il framework, creato dal consorzio del progetto europeo OCRE (Open Clouds for Research Environments, 2020-2024) guidato da GÉANT, si basa sul precedente framework IaaS di GÉANT, e offre una gamma più ampia di servizi, per agevolare l'adozione dei servizi cloud nella comunità dell'istruzione e della ricerca.

Come accedere ai servizi

Il framework è riservato agli istituti d’istruzione superiore, alle università e agli enti di ricerca ed alle organizzazioni che fanno parte della rete GARR.
Per semplificare il processo di selezione dei servizi e di acquisto, OCRE ha pubblicato un Catalogo dove gli utenti possono selezionare i servizi di loro interesse, cliccando in una mappa d’Europa che permette di individuare quanto disponibile in ogni paese. Quindi ciascun servizio è presentato attraverso una scheda che include un link ad informazioni dettagliate sulla piattaforma e un indirizzo e-mail di contatto che può essere utilizzato per richiedere un preventivo.

Il ruolo del GARR

Il GARR, in quanto Rete Nazionale della Ricerca e dell’Università (NREN - National Research & Education Network), agisce come riferimento (referrer) tra la sua comunità e il cloud framework OCRE, rendendo gli accordi quadro disponibili in Italia per le istituzioni che fanno parte della sua comunità.

Il GARR tuttavia non ha parte nei rapporti tra utenti e fornitori e non svolge attività di comunicazione e promozione specifiche dei servizi messi a disposizione agli utenti della comunità della ricerca e dell’istruzione italiana da parte dei fornitori OCRE. Tutte le azioni di informazione e le interazioni devono svolgersi direttamente tra utente e fornitore.

Da notare che OCRE è un progetto europeo della durata di quattro anni, avviato l’1 dicembre 2020 e il framework resterà valido fino alla fine del progetto, cioè fino al 30 novembre 2024. Inoltre i contratti possono essere stipulati solo in lingua inglese.
L’elenco dei fornitori OCRE per l’Italia può essere consultato sul sito del progetto e per ricevere maggiori informazioni e ottenere supporto si può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Maggiori informazioni

GARR, Cosa realizziamo, Cosa abbiamo, Per conoscerci, Cosa offriamo, Rete

La Rete GARR ed i suoi servizi sono dedicati alla Comunità della Ricerca e dell'Istruzione Italiana. Attualmente, circa 1200 siti, tra centri di ricerca e documentazione, università, osservatori, laboratori, biblioteche, musei ed altre infrastrutture, per un totale di oltre 4.000.000 di utenti finali, sono collegati alla Rete GARR. E' grazie alla collaborazione degli APM (Access Port Manager) di tutti i siti collegati alla rete, che è possibile rendere disponibili agli utilizzatori che operano nelle diverse istituzioni di appartenenza i servizi erogati dal GARR.

Questa vasta comunità è destinata ad allargarsi ancora, grazie alla interconnessione di nuove strutture appartenenti al mondo della Ricerca, dell’Istruzione e della Cultura, Scuole, Accademie d’Arte e Musei.

Di seguito la lista delle strutture connesse alla Rete GARR.

Elenco delle sedi collegate classificate per tipo di Ente
Selezionando una categoria sarà possibile visualizzare l'elenco delle singole sedi.

GARR, Cosa realizziamo, Per conoscerci, Cosa offriamo, Comunità, GARRNews

GARR NEWS è la rivista semestrale dedicata alla comunità GARR e nasce con l’obiettivo di creare un canale diretto tra GARR e i suoi utenti.

Essere vicino ai propri utenti e renderli parte attiva della rete è sempre stato alla base della filosofia del GARR e GARR NEWS è un ulteriore passo in questa direzione.
Oltre a costituire una grande opportunità per parlare di nuovi servizi offerti e per fare il punto della situazione sulla rete e sul suo uso, GARR NEWS ha infatti lo scopo di dare voce a chi quotidianamente utilizza la rete. Gli utenti stessi avranno l’occasione di raccontare esperienze innovative e di giocare quindi un ruolo sempre più attivo nella diffusione delle applicazioni nella comunità GARR, proponendo a loro volta esempi di eccellenza da seguire.

Hai un progetto interessante? Raccontaci la tua storia!

Archivio numeri

Il contenuto di GARR News, tranne dove altrimenti indicato, è rilasciato secondo i termini della licenza Creative Commons, Attribuzione - Non Commerciale

Numero Sito Pdf
numero sito pdf
Numero 25 - inverno 2021 pdf
Numero 24 - estate 2021 pdf
Numero 23 - inverno 2020 pdf
Numero 22 - estate 2020 pdf
Numero 21 - inverno 2019 pdf
Numero 20 - estate 2019 pdf
Numero 19 - dicembre 2018 pdf
Numero 18 - luglio 2018 pdf
Numero 17 - dicembre 2017 pdf
Numero 16 - luglio 2017 pdf
Numero 15 - dicembre 2016 pdf
Numero 14 - luglio 2016 pdf
Numero 13 - dicembre 2015 pdf
Numero 12 - giugno 2015 pdf
Numero 11 - dicembre 2014 pdf
Numero 10 - giugno 2014 pdf
Numero 9 - dicembre 2013 pdf
Numero 8 - maggio 2013 pdf
Numero 7 - novembre 2012 pdf
Numero 6 - maggio 2012 pdf
Numero 5 - dicembre 2011 pdf
Numero 4 - giugno 2011 pdf
Numero 3 - dicembre 2010 pdf
Numero 2 - luglio 2010 pdf
Numero 1 - dicembre 2009 pdf
Numero 0 - giugno 2009 pdf

Speciali


Registrazione
Tribunale di Roma n. 243/2009 del 21 luglio 2009
Direttore editoriale
Federico Ruggieri
Direttore responsabile
Gabriella PAOLINI
Caporedattore
Maddalena VARIO
Redazione
Elis BERTAZZON, Marta MIELI, Federica TANLONGO, Carlo VOLPE
Consulenti redazione
Claudio ALLOCCHIO, Giuseppe ATTARDI, Claudia BATTISTA, Mauro CAMPANELLA, Massimo CARBONI, Fulvio GALEAZZI, Marco MARLETTA, Sabrina TOMASSINI
Progetto grafico (Cartaceo)
Carlo VOLPE

Impaginazione
Federica TANLONGO, Carlo VOLPE
Progettazione WEB
Bruno NATI, Marco PANICCIA
Editore
Consortium GARR
Via dei Tizii 6 - 00185 Roma
Tel. 06 49622000
fax. 06 49622044
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

GARR, Cosa offriamo, Rete, eduroam, Idem

Dipendenti e ospiti presso la sede GARR hanno a disposizione i seguenti servizi di connettività wireless per accedere ad internet.

L'uso della connessione da parte degli utenti presuppone l'accettazione dei "Termini di Servizio"

Ospiti

Visitatori ed ospiti presso la sede del Consortium GARR possono accedere ad internet utilizzando le credenziali eduroam o IDEM fornite dal loro Ente di appartenenza.

Qualora non si disponga di credenziali eduroam o IDEM è possibile utilizzare una rete wireless dedicata, per accedervi è necessario che la Segreteria GARR abbia emesso delle credenziali temporanee.

Contatta la Segreteria GARR

eduroam

eduroam® (education roaming) è il servizio che offre un accesso sicuro alla rete wireless per gli utenti della comunità dell’Università e della Ricerca in mobilità in Europa e oltre.

GARR partecipa ad eduroam come Identity Provider e come Resource Provider.

E' possibile utilizzare il servizio eduroam con qualsiasi dispositivo abilitato alle connessioni wireless mediante il protocollo 802.1X.

Per semplificare la configurazione del proprio dispositivo e renderlo compatibile alle connessioni eduroam si consiglia di utilizzare gli installer messi a disposizione dal servizio CAT alla pagina https://cat.eduroam.org gestito da Géant.

Guida alla configurazione di eduroam per i dipendenti GARR

Cosa abbiamo

  • Menu principale

  • Menu secondario

    Documenti

    Amministrazione trasparente

GARR

Il Direttore, nominato dal Consiglio di Amministrazione, ha la responsabilità operativa e gestionale del Consortium GARR.

Federico RuggieriLaureato in Fisica presso l'Università di Bari e Dirigente di Ricerca dell’INFN presso la Sezione di Roma Tre, è Coordinatore del Dipartimento di Calcolo e Storage del GARR dal 2013 e Direttore del GARR dal 1 gennaio 2015.

Ha svolto la sua attività professionale sperimentale principalmente nel campo della Fisica delle particelle. Ha partecipato alla costruzione, messa in opera ed analisi dei dati di diversi esperimenti al CERN ed a Frascati. Nel corso della sua carriera si è concentrato sugli aspetti del calcolo, delle reti di trasmissione dati e dei sistemi di acquisizione e processamento dei dati. Ha ricoperto molti incarichi: Presidente della Commissione Nazionale Calcolo INFN, Chairman del Comitato Europeo per il Calcolo nella Fisica delle Alte Energie (HEPCCC), Direttore del CNAF (Centro Nazionale per la Ricerca e Sviluppo nelle Tecnologie Informatiche e Telematiche dell’INFN), membro del Comitato Tecnico Scientifico della Rete GARR e del Consorzio CASPUR.

In qualità di chairman dello HEPCCC ha avviato il primo Progetto Europeo DataGRID per lo sviluppo di Griglie Computazionali, co-finanziato dalla Commissione Europea ed è stato il Project Manager di successivi progetti Europei di estensione delle infrastrutture Grid nei paesi del Mediterraneo, del Medio Oriente ed in Cina (EUMEDGRID, EUMEDGRID-Support, EUChinaGrid, CHAIN, CHAIN-REDS).

È docente di “Acquisizione Dati e Controllo di Esperimenti” nel corso di laurea magistrale in Fisica presso l’Università di Roma Tre ed esperto scientifico qualificato del MIUR. Ha al suo attivo più di 400 pubblicazioni nel campo delle particelle elementari, dell’acquisizione dati e del Grid computing.

È stato speaker in molte conferenze internazionali sugli argomenti di Grid ed eInfrastructures.
La sua collaborazione con GARR risale agli anni ’90, quando è stato tra l’altro membro del primo Organismo Tecnico Scientifico GARR.

GARR

Enzo ValenteLaureato in Fisica all’Università di Roma “La Sapienza”, già docente di Metodi Strumentali di Fisica Subnucleare presso il Dipartimento di Fisica Università di Roma “La Sapienza”, Dirigente di Ricerca presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Ha al suo attivo oltre 450 pubblicazioni scientifiche a stampa su riviste internazionali.

Dal 1985 al 1991 è stato Presidente della Commissione Calcolo dell'INFN.
Dal 1990 al 1993 Direttore del Progetto NIC-Roma (divenuto poi Consorzio CASPUR, ora confluito nel CINECA).
Dal 1992 al 1998 Direttore del centro di supercalcolo dell’INFN - CNAF di Bologna.

Protagonista dalla seconda metà degli anni '80 dell'originario disegno di armonizzazione delle reti della ricerca con Giuseppe Biorci, Antonio Cantore, Orio Carlini, Fernando Liello, ha avuto la responsabilità del GARR prima in veste di Direttore del Progetto GARR-B (all’epoca gestito dall’INFN) e poi in veste di primo Direttore del Consortium GARR dal 2003 al 2014.

In veste di Direttore del GARR ha fornito al Sistema Ricerca e Università italiano lo strumento affidabile ed efficace della Rete della Ricerca, una realtà assolutamente indispensabile per la competitività della comunità scientifica e accademica del paese; ha partecipato alle attività internazionali e continentali delle Reti della Ricerca, tra cui quelle dell’Associazione Trans-Europea per il Networking della Ricerca e l'Istruzione (TERENA), ha favorito e promosso il raggiungimento e l’ampliamento della mission del GARR sia a livello nazionale che a livello internazionale (Mediterraneo, Africa, Oriente).

Dal 2013 è rappresentante italiano nell’e-Infrastructure Reflection Group “e-IRG”, che riunisce, tra gli altri, una rappresentanza delle Reti della Ricerca Europee ed è un organo di indirizzo per la definizione dei programmi europei nel settore delle e-Infrastructure a supporto della ricerca.

Da gennaio 2015 è membro del Comitato Tecnico-Scientifico del GARR e collabora alle attività di ricerca GARR nell’ambito del Progetto GEANT 2020, cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma Quadro Horizon2020.

GARR, Formazione, Borse di studio

Il Consortium GARR, nell’ambito delle attività di promozione della conoscenza, ha assegnato due premi destinati a proposte o lavori originali formulati da giovani ricercatori (nati a partire dal 1 gennaio 1981).

Leggi tutto

GARR, Per conoscerci, Cosa offriamo, Conferenze

  • Dalle prime reti informatiche alle grandi infrastrutture di ricerca: come la rete ha cambiato il modo di fare scienza

    Il 24 ottobre 2011, nella sede del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca in piazzale J.F. Kennedy, si è svolta la celebrazione dei primi vent'anni della rete GARR. 

    L’evento celebrativo dei primi vent’anni della rete GARR ha costituito l’occasione per riflettere su come le reti della ricerca e i loro utilizzatori abbiano cambiato il modo di fare scienza negli ultimi anni e per illustrare i benefici e le opportunità che le infrastrutture di ricerca interconnesse a livello mondiale offrono alla comunità scientifica e accademica italiana.

    Nel corso della cerimonia sono stati consegnati i premi in ricordo del prof. Orio Carlini e del prof. Antonio Ruberti, che GARR ha destinato a proposte o lavori originali presentati da giovani ricercatori su temi del Future Internet e delle Next Generation Network.

  • Programma

    Il 24 ottobre 2011, nella sede del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca in piazzale J.F. Kennedy si è svolta la celebrazione dei primi vent'anni della rete GARR.

    • Marco PACETTI - Presidente Consortium GARR 
      Benvenuto
    • Mario ALI' - MIUR, Direttore Generale per L'internazionalizzazione della Ricerca 
      Il ruolo delle infrastrutture di ricerca per la competività della comunità accademica e scientifica italiana -  pdf Presentazione (20 KB)
    • Massimo CASCIELLO - Ministero della Salute, Direttore Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica
      Le infrastrutture digitali per l'eccellenza scientifica in campo biomedico
    • Antonio CANTORE - CILEA
      Le origini della rete GARR - pdf Presentazione (1.36 MB)
    • Angelo SCRIBANO - Consortium GARR, Presidente Comitato Tecnico Scientifico
      L'evoluzione della rete GARR -  pdf Presentazione (1.23 MB)
    • Enzo VALENTE - Direttore Consortium GARR
      Il futuro della rete GARR - pdf Presentazione (8.37 MB)
    • Fabrizio COBIS - MIUR, Dirigente ufficio VII - Direz. Gen. per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca
      Cerimonia di consegna del Premio Orio Carlini
    • Mario ALI' - MIUR, Direttore Generale per L'internazionalizzazione della Ricerca 
      Cerimonia di consegna del Premio Antonio Ruberti

    Sono intervenuti:

    • Fernando FERRONI - Presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN)
    • Luciano MODICA - Co-fondatore del Consortium GARR, è stato sottosegretario del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane
    • Francesco PROFUMO - Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
  • Partecipanti

    • Laura ABBA
    • Mario ALI'
    • Claudio ALLOCCHIO
    • Edoardo ANGELUCCI
    • Damiano ASCENZI
    • Alessandro ASSON
    • Luigi BALLARDINI
    • Roberto BARBERA
    • Fabrizio BATALONI
    • Claudia BATTISTA
    • Leopoldo BENACCHIO
    • Paolo BOLLETTA
    • Veronica BUCCHERI
    • Mauro CAMPANELLA
    • Antonio CANTORE
    • Massimo CARBONI
    • Riccardo CARLINI
    • Gabriella CARLINI LENZI
    • Massimo CASCIELLO
    • Francesco CASTRUCCI
    • Marco CASTRUCCI
    • Donatella CAVALLI
    • Roberto CECCHINI
    • Giovanni CESARONI
    • Luca CHIARAVIGLIO
    • Lorenzo CHIARELLI
    • Francesco CIARDIELLO
    • Antonino CIURLEO
    • Fabrizio COBIS
    • Eugenio COCCIA
    • Aldo COTTINI
    • Silvia D'ALTERIO
    • Salvatore DANIELE
    • Angelo DE FLORIO
    • M. Alessandra DE NICOLA
    • Luca DELL'AGNELLO
    • Jacopo DI COCCO
    • Andrea DI PEO
    • Gianni DI PILLO
    • Marcello FABIANI
    • Fabio Mario FARINA
    • Gian Luigi FERRARI
    • Fernando FERRONI
    • Franca FIUMANA
    • Mariangela FOCACCI
    • Rita FORSI
    • FulvioGALEAZZI
    • Barbara GALLAVOTTI
    • Marco GALLO
    • Gianni FENU
    • Francesco GENNAI
    • Manuela GIAQUINTO
    • Giorgio GIUNCHI
    • Roberto GOMEZEL
    • Maurizio GORETTI
    • Roberto GUADAGNI
    • Gaetano GUGLIELMI
    • Marco IANNIELLO
    • Maurizio LANCIA
    • Patrizia LANDI
    • Marco LANZARINI
    • Rina LARIZZA
    • Laura LEONE
    • Giada LI CALZI
    • Daniela LIELLO
    • Fernando LIELLO
    • Giorgio Pietro MAGGI
    • Pasquale MANDATO
    • Maria Laura MANTOVANI
    • Joy MARINO
    • Marco MARLETTA
    • Duilia MARTELLUCCI
    • Franca MASCIULLI
    • Marcella MASTROFINI
    • Agostino MATHIS
    • Andrea MATTASOGLIO
    • Pietro MATTEUZZI
    • Bruno MELIDEO
    • Marta MIELI
    • Silvio MIGLIORI
    • Alfonso MIOLA
    • Luciano MODICA
    • Barbara MONTICINI
    • Giorgio MORELLI
    • Bruno NATI
    • Antonio NAVARRA
    • Gabriele NERI
    • Rino NUCARA
    • Marco PACETTI
    • Dario PADIGLIONE
    • Marco PAGANONI
    • Rosanna PAIOLO
    • Francesco PALMIERI
    • Gabriella PAOLINI
    • Fabio PELLEGRI
    • Roberto PELLEGRINI
    • Andrea PIANELLI
    • Andrea PINZANI
    • Laura PIRELLI
    • Francesco PROFUMO
    • Francesco PROIETTI
    • Francesco Saverio PROTO
    • Lorenzo PUCCIO
    • Vincenzo PUGLIA
    • Mario REALE
    • Maria Cristina RIBOLI
    • Rosario RICCIO
    • Luigi ROSSI
    • Valeria ROSSI
    • Aldo ROVERI
    • Albino RUBERTI
    • Francesca RUBERTI
    • Giovina RUBERTI
    • Ida RUBERTI
    • Luisa RUBERTI ANDREOZZI-RUI
    • Federico RUGGIERI
    • Davide SALOMONI
    • Andrea SALVATI
    • M. Cristina SANTESARTI
    • Claudia SANTI
    • M. Sole SCOLLO
    • Angelo SCRIBANO
    • Marco SERRA
    • Andrea SIMEONI
    • Marco SOMMANI
    • Maria Adele SPANO
    • Massimo STANGONI
    • Ettore TAMIRO
    • Federica TANLONGO
    • Paola TENTONI
    • Sabrina TOMASSINI
    • Stefano TRUMPY
    • Patrizia UMMARINO
    • Andrea VACCHI
    • Enzo VALENTE
    • Massimo VALIANTE
    • Maddalena VARIO
    • Simona VENUTI
    • Gabriele E. VILLA
    • Giancarlo VIOLA
    • Giulia VITA FINZI
    • Gloria VUAGNIN
    • Arian XHELAJ
    • Stefano ZANI
  • Download

    Booklet Da 20 Anni nel futuro

    Da 20 anni nel futuro
    Dalle prime reti informatiche alle grandi infrastrutture di ricerca: Come la rete ha cambiato il modo di fare scienza.

    Foto

    Video

  • I pionieri della Rete GARR

    • Laura ABBA
    • Annarita ADRUALDI
    • Claudio ALLOCCHIO
    • Alessandro ASSON
    • Giuseppe ATTARDI
    • Francesco AYMERICH
    • Ozalp BABAOGLU
    • Graziella BARDOTTI
    • Claudia BATTISTA
    • Leopoldo BENACCHIO
    • Giovanni BENEDETTI
    • Alessandro BETTINI
    • Giuseppe BIORCI
    • Leyla BODINI
    • Francesco BOMBI
    • Antonio Blasco BONITO
    • Bruno BORGIA
    • Roberto BORRI
    • Antonio BOSCO
    • Daniele BOVIO
    • Edoardo CALIA
    • Mauro CAMPANELLA
    • Domenico CANINO
    • Antonio CANTORE
    • Paolo CAPILUPPI
    • Massimo CARBONI
    • Orio CARLINI
    • Claudio CASTELLANO
    • Paolo CATUREGLI
    • Claudio CAVAGGION
    • Lorenzo CELLAMARE
    • Massimo CINQUE
    • Aldo COTTINI
    • Giovanni D’ADDONA
    • Renzo DAVOLI
    • Angelo DE FLORIO
    • Luca DELL’AGNELLO
    • Franco DENOTH
    • Pasquale D’ERASMO
    • Jacopo DI COCCO
    • Pietro DI TERLIZZI
    • Gianni FENU
    • Marta FERRARI
    • Maria Lorenza FERRER
    • Franca FIUMANA
    • Mario FURNARI
    • Silvano GAI
    • Francesco GENNAI
    • Luca GENTILI
    • Elisabetta GHERMANDI
    • Antonia GHISELLI
    • Dante GIAMMATTEI
    • Roberto GOMEZEL
    • Paolo INCHINGOLO
    • Maurizio LANCIA
    • Luciano LENZINI
    • Luigi LESCA
    • Fernando LIELLO
    • Gianpiero LIMONGIELLO
    • Paolo LO RE
    • Aldo MANTOVANI
    • Maria Laura MANTOVANI
    • Tiziano MARESO
    • Joy MARINO
    • Marcella MASTROFINI
    • Paolo MASTROSERIO
    • Agostino MATHIS
    • Andrea MATTASOGLIO
    • Pietro MATTEUZZI
    • Antonio MAZZEO
    • Carlo MERCURI
    • Leonardo MEROLA
    • Vittorio MIORI
    • Giovanni MIRABELLI
    • Luciano MODICA
    • Aldo MONTAGUTI
    • Mauro NANNI
    • Sergio NATALI
    • Gabriele NERI
    • Alvise NOBILE
    • Fernando PACCIANI
    • Marco Pacetti
    • Dario PADIGLIONE
    • Francesco PALMIERI
    • Alberta PANTI
    • Fabio PASIAN
    • Anna PAZIENZA
    • Roberto PELLEGRINI
    • Paolo PICCOLI
    • Giuseppe PIERAZZINI
    • Massimo PISTONI
    • Damir POBRIC
    • Francesco PROIETTI
    • Pier Paolo PULIAFITO
    • Maria Cristina RIBOLI
    • Liliana RIZZO
    • Giuseppe A. ROMANO
    • Valeria ROSSI
    • Aldo ROVERI
    • Antonio RUBERTI
    • Federico Ruggieri
    • Guido RUSSO
    • Davide SALOMONI
    • Corrado SALVO
    • Luciano SCHIAVONI
    • Angelo Scribano
    • Marco SOMMANI
    • Antonino SORCE
    • Maria Adele SPANO
    • Alessandro SPANU
    • Pier Luigi SPINOSA
    • Massimo TARTAMELLA
    • Paola TENTONI
    • Stefano TRUMPY
    • Gianfranco TURSO
    • Enzo Valente
    • Daniele VANNOZZI
    • Cristina VISTOLI
    • Giulia VITA FINZI
    • Stefano ZANI
    • Umberto ZANOTTI
    • Anita ZORZI

GARR

MESEGIORNOORA
GENNAIO mercoledì 18 12.00
FEBBRAIO martedì 21 14.30
MARZO giovedì 23 14.30
APRILE giovedì 13 14.30
MAGGIO giovedì 18 14.30
GIUGNO mercoledì 21 14.30
LUGLIO giovedì 20 14.30
AGOSTO - -
SETTEMBRE - -
OTTOBRE lunedì 2 11.00
NOVEMBRE lunedì 6 11.00
DICEMBRE mercoledì 13 14.30

GARR

Marco Pacetti - Ex-Presidente del Consortium GARR Nato in Ancona nel 1947, è stato Presidente del Consortium GARR dal 2003 al 2014.

Si laurea nel 1972 in Ingegneria Elettronica presso l'Università degli Studi di Bologna e dall'anno seguente inizia ad operare presso l'università dorica. In qualità di ricercatore approfondisce i problemi legati all'energetica con particolari studi nell'ambito delle fonti energetiche rinnovabili e del risparmio sui settori civile e industriale.

Si occupa anche dei fluidi frigoriferi non-CFC e di controllo termico di dispositivi elettronici. Inoltre ha condotto ricerche nell'ambito dell'agro-alimentare per il trasferimento di nuove tecnologie nella catena del freddo. Eletto presidente di diversi consorzi, cooperazioni e aziende (CORIT, APRE, SVIM, MIT, CASE, CONICS, ADRIALAB), è stato nominato Prorettore dell'Università degli Studi di Ancona nel 1991 e riconfermato nel 1995.

Nel 1997 arriva la nomina a Rettore, riconfermata per cinque trienni fino al 2012, dell'ateneo anconetano di cui ha voluto la dicitura "Università Politecnica delle Marche" (18 gennaio 2003). È autore di numerose pubblicazioni. Attualmente ha la cattedra di ordinario di Fisica Tecnica Industriale presso la Facoltà di Ingegneria.

 

GARR

Il professor Sauro Longhi è nato a Loreto nel 1955, dove risiede con la moglie Antonella e la figlia Michela.

Sauro Longhi - Presidente del Consortium GARR Si è laureato nel '79 in Ingegneria Elettronica all'Università di Ancona, dove - dopo aver conseguito la specializzazione in Ingegneria dei Sistemi di Controllo e di Calcolo Automatici all'Università di Roma "La Sapienza" - è stato ricercatore prima, e poi, nel '92, professore associato in Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Controllo. Dal 2001 è professore ordinario di Automatica. Dal 2011 è direttore del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione. Dal 2010 è presidente del Comitato Tecnico Scientifico del Centro di Supporto per l'Apprendimento delle Lingue (CSAL) con sede presso la Facoltà di Economia.

È stato fondatore e amministratore di diversi spin-off universitari; è presidente dell'Associazione Laureati Facoltà di Ingegneria di Ancona; componente del Senato Accademico dell'Università Politecnica delle Marche e del consiglio scientifico del Centro per l'Innovazione e l'Imprenditorialità di Univpm.

Dal 2013 al 2019 è stato Rettore dell'Università Politecnica delle Marche e dal 2014 al 2022 presidente del Consortium GARR, eletto all'unanimità dal Consiglio di Amministrazione. Dal 2014 è inoltre presidente del cluster nazionale "Tecnologie per gli Ambienti di Vita".

La sua attività di ricerca è documentata da oltre 320 pubblicazioni su riviste internazionali e atti di convegni internazionali. È autore di due brevetti.

È stato Presidente del Consortium GARR dal 2014 al 2022.

GARR

Angelo Scribano - Ex-Presidente del Consortium GARR Laureato in Fisica, già Professore Ordinario in Fisica presso l’Università di Siena, è stato Vice Presidente dell’INFN dal 2000 al 2004 e Direttore prima e Vice Presidente poi dell’European Gravitational Observatory (EGO).

E' stato uno dei fondatori e il Primo Presidente del Consortium GARR dal 2002 al 2003, nonché Vice-Presidente dell’associazione dal 2003 al 2009.

Dal 2010 ha assunto il ruolo di Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico del Consortium GARR.

È attualmente il Chairman del Collaboration Board dell'esperimento TOTEM al CERN.

L'attività di ricerca, tutta sperimentale nel campo della Fisica Subnucleare delle Alte Energie e della Fisica astroparticellare ha portato a circa 400 pubblicazioni su riviste internazionali.

 

GARR

Pagina in fase di aggiornamento

Chiedi supporto utilizzando la pagina "contatti"

GARR

MESEGIORNOORA
GENNAIO giovedì 21 15.30
FEBBRAIO    
MARZO mercoledì 2 14.30
APRILE martedì 5 14.30
MAGGIO giovedì 26 14.30
GIUGNO mercoledì 22 14.30
LUGLIO giovedì 21 15.30
SETTEMBRE giovedì 22 14.30
OTTOBRE giovedì 20 14.30
NOVEMBRE mercoledì 23 14.30
DICEMBRE giovedì 15 14.30
Pagina in fase di aggiornamento

Video GARR

Video GARR

Via libera al Piano Nazionale per la Scienza Aperta

Via libera al Piano Nazionale per la Scienza Aperta

Al via il Piano Nazionale per la Scienza Aperta, documento programmatico finalizzato alla creazione della conoscenza scientifica basato su trasparenza e cooperazione

Arrivederci TNC22

Arrivederci TNC22

Dopo un’intensa settimana di networking, formazione e condivisione si è conclusa l’edizione 2022 di TNC, la conferenza internazionale delle reti della ricerca che quest’anno, e dopo ben 15 anni dall’ultima edizione italiana, è stata ospitata nella meravigliosa cornice della città di Trieste.

Come funziona internet? Rivivi l’incotro di Trieste

Come funziona internet? Rivivi l’incotro di Trieste

Trieste e Internet: un connubio perfetto. Per due settimane la città ha ospitato due eventi internazionali sul tema della ricerca e della governance delle reti informatiche.

Rivivi la Conferenza GARR 2022

Rivivi la Conferenza GARR 2022

La Conferenza GARR “CondiVisioni. La rete come strumento per costruire il futuro” è stata caratterizzata da un buon successo di pubblico sia in presenza, all’Università di Palermo, che online con migliaia di visualizzazioni.