Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce.

  • IT

GARR, Cosa realizziamo, Cosa abbiamo, Per conoscerci, Cosa offriamo, Rete

La Rete GARR ed i suoi servizi sono dedicati alla Comunità della Ricerca e dell'Istruzione Italiana. Attualmente, circa 1200 siti, tra centri di ricerca e documentazione, università, osservatori, laboratori, biblioteche, musei ed altre infrastrutture, per un totale di oltre 4.000.000 di utenti finali, sono collegati alla Rete GARR. E' grazie alla collaborazione degli APM (Access Port Manager) di tutti i siti collegati alla rete, che è possibile rendere disponibili agli utilizzatori che operano nelle diverse istituzioni di appartenenza i servizi erogati dal GARR.

Questa vasta comunità è destinata ad allargarsi ancora, grazie alla interconnessione di nuove strutture appartenenti al mondo della Ricerca, dell’Istruzione e della Cultura, Scuole, Accademie d’Arte e Musei.

Di seguito la lista delle strutture connesse alla Rete GARR.

Elenco delle sedi collegate classificate per tipo di Ente
Selezionando una categoria sarà possibile visualizzare l'elenco delle singole sedi.

GARR, Cosa realizziamo, Per conoscerci, Cosa offriamo, Comunità, GARRNews

GARR NEWS è la rivista semestrale dedicata alla comunità GARR e nasce con l’obiettivo di creare un canale diretto tra GARR e i suoi utenti.

Essere vicino ai propri utenti e renderli parte attiva della rete è sempre stato alla base della filosofia del GARR e GARR NEWS è un ulteriore passo in questa direzione.
Oltre a costituire una grande opportunità per parlare di nuovi servizi offerti e per fare il punto della situazione sulla rete e sul suo uso, GARR NEWS ha infatti lo scopo di dare voce a chi quotidianamente utilizza la rete. Gli utenti stessi avranno l’occasione di raccontare esperienze innovative e di giocare quindi un ruolo sempre più attivo nella diffusione delle applicazioni nella comunità GARR, proponendo a loro volta esempi di eccellenza da seguire.

Hai un progetto interessante? Raccontaci la tua storia!

Vai al sito di GARRNews

Archivio numeri

Il contenuto di GARR News, tranne dove altrimenti indicato, è rilasciato secondo i termini della licenza Creative Commons, Attribuzione - Non Commerciale

Speciali


Registrazione
Tribunale di Roma n. 243/2009 del 21 luglio 2009
Direttore editoriale
Federico RUGGIERI
Direttore responsabile
Gabriella PAOLINI
Caporedattore
Maddalena VARIO
Redazione
Elis BERTAZZON, Marta MIELI, Federica TANLONGO, Carlo VOLPE
Consulenti redazione
Claudio ALLOCCHIO, Giuseppe ATTARDI, Claudia BATTISTA, Mauro CAMPANELLA, Massimo CARBONI, Fulvio GALEAZZI, Marco MARLETTA, Sabrina TOMASSINI
Progetto grafico (Cartaceo)
Carlo VOLPE

Impaginazione
Federica TANLONGO, Carlo VOLPE
Progettazione WEB
Bruno NATI, Marco PANICCIA
Editore
Consortium GARR
Via dei Tizii 6 - 00185 Roma
Tel. 06 49622000
fax. 06 49622044
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

GARR, Cosa offriamo, Rete, eduroam, Idem

Dipendenti e ospiti presso la sede GARR hanno a disposizione i seguenti servizi di connettività wireless per accedere ad internet.

L'uso della connessione da parte degli utenti presuppone l'accettazione dei "Termini di Servizio"

Ospiti

Visitatori ed ospiti presso la sede del Consortium GARR possono accedere ad internet utilizzando le credenziali eduroam o IDEM fornite dal loro Ente di appartenenza.

Qualora non si disponga di credenziali eduroam o IDEM è possibile utilizzare una rete wireless dedicata, per accedervi è necessario che la Segreteria GARR abbia emesso delle credenziali temporanee.

Contatta la Segreteria GARR

eduroam

eduroam® (education roaming) è il servizio che offre un accesso sicuro alla rete wireless per gli utenti della comunità dell’Università e della Ricerca in mobilità in Europa e oltre.

GARR partecipa ad eduroam come Identity Provider e come Resource Provider.

E' possibile utilizzare il servizio eduroam con qualsiasi dispositivo abilitato alle connessioni wireless mediante il protocollo 802.1X.

Per semplificare la configurazione del proprio dispositivo e renderlo compatibile alle connessioni eduroam si consiglia di utilizzare gli installer messi a disposizione dal servizio CAT alla pagina https://cat.eduroam.org gestito da Géant.

Guida alla configurazione di eduroam per i dipendenti GARR

VIDEO GARR

Conferenza GARR 2019 - Connecting the future

Vedi gli altri video su GARR.tv

VIDEO GARR

Video promozionale del GARR e delle sue attività di sostegno alla Rete Italiana della Università e della Ricerca

Vedi gli altri video su GARR.tv

Online presentazioni, foto e video della Conferenza GARR 2019

Online presentazioni, foto e video della Conferenza GARR 2019

Sono online tutte le presentazioni e le riprese della Conferenza GARR Connecting the Future che si è svolta al Politecnico di Torino dal 4 al 6 giugno 2019. Sono inoltre disponibili sul sito dell’evento materiali di approfondimento tra cui foto e interviste ad alcuni dei protagonisti.

EOSC-Pillar, un mix di ricette nazionali per costruire la European Open Science Cloud

EOSC-Pillar, un mix di ricette nazionali per costruire la European Open Science Cloud

Il progetto EOSC-Pillar è stato ufficialmente lanciato il 5 luglio 2019 e, per i prossimi tre anni coordinerà le iniziative nazionali di open science in Austria, Belgio, Francia, Germania e Italia per assicurare che esse vengano incluse nell’attuazione della European Open Science Cloud (EOSC).

Educazione al Digital Cultural Heritage: ecco le anteprime per il 2019-2020

Educazione al Digital Cultural Heritage: ecco le anteprime per il 2019-2020

Sono state rese note le anteprime delle attività di educazione al Digital Cultural Heritage per il 2019 - 2020.

A Bologna uno dei primi supercomputer pre-exascale

A Bologna uno dei primi supercomputer pre-exascale

Sarà in Italia uno dei 3 siti dei primi supercomputer europei pre-exascale che fanno parte di un insieme di otto siti per centri di supercalcolo che sono stati selezionati dall'UE.