Questo sito utilizza i cookie per fornire servizi.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

  • Infrastrutture
  • Infrastruttura cloud

GARR, Cloud

Infrastruttura cloud

GARR affianca all’infrastruttura di rete una infrastruttura per il calcolo e l’archiviazione di grandi moli di dati costruita secondo il paradigma cloud. L’obiettivo è offrire alla comunità nazionale della ricerca e dell’istruzione la possibilità di utilizzare risorse condivise e flessibili in base alle esigenze, riducendo i costi ma senza rinunciare alla sicurezza e confidenzialità dei dati e alla garanzia che essi siano ospitati su server all’interno dei confini nazionali. Semplificazione ed economicità sono i principali benefici.

Oggi l’infrastruttura cloud GARR consiste di data centre dislocati in 5 diverse località, interconnessi fra loro con capacità fino a 40 Gbps, che dispongono di oltre 8.000 core virtuali, 66 TB di memoria RAM e più di 10 PB di spazio disco.

La piattaforma scelta da GARR è OpenStack, un sistema open source che è ormai divenuto uno standard de facto, sostenuto da numerose aziende e sviluppatori di tutto il mondo. I vantaggi principali di OpenStack sono il supporto di una comunità molto ampia di utilizzatori, la capacità di soddisfare esigenze di un vasto spettro di applicazioni e la sua natura open source.

Oltre ad amministrare le risorse proprietarie, GARR coordina una Federazione di cloud, dislocate su vari datacenter nazionali di membri del GARR, che partecipano alla federazione condividendo risorse e servizi.

Sulla cloud è possibile per gli utenti creare e gestire servizi IaaS e PaaS.

IaaS: Infrastructure as a Service

Attraverso i servizi IaaS (Infrastructure as a Service) è possibile per un utente ottenere, configurare e gestire in autonomia macchine virtuali che girano sulle risorse della Federazione cloud GARR, accessibili ad alta capacità via rete.

L’utente può creare, eliminare e collegare le proprie macchine virtuali, che possono essere configurate in modo personalizzato e dotate di risorse quali virtual core, RAM e di spazio disco locale appropriate alle sue esigenze, nell’ambito della quota di risorse assegnategli.

Virtual datacenter

Grazie all’approccio IaaS è possibile per gli utenti con elevate esigenze in termini di risorse di calcolo e archiviazione realizzare un virtual datacenter (VDC). Un VDC è un insieme di risorse di elaborazione (vCore), RAM, spazio disco e indirizzi IP pubblici, la cui gestione è affidata a un amministratore di VDC.

L’amministratore di VDC è abilitato a:

  • - creare progetti assegnando a diversi utenti o gruppi parte delle risorse del VDC;
  • - abilitare utenti all'uso delle risorse di un progetto;
  • - creare macchine virtuali;
  • - creare volumi di storage e assegnarli a macchine virtuali;
  • - assegnare indirizzi IP pubblici a una macchina virtuale;
  • - installare dei workload su un progetto

Servizi PaaS: Platform as a Service

I servizi PaaS sono applicazioni e servizi software erogati via Web su un cluster di uno o più Macchine Virtuali, su cui vengono installate le librerie e i pacchetti applicativi che realizzano il servizio.

Il deployment del PaaS avviene tramite uno strumento di orchestrazione automatico che accompagna l’utente nei passi necessari per creare le macchine virtuali, installarvi i sistemi operativi e i pacchetti applicativi, lanciare il servizio e gestirlo (ad es., alta affidabilità, scaling).