Questo sito utilizza i cookie per fornire servizi.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

  • News e Eventi
  • Link ultraveloce a 1,2 Tbps per connettere i data center di INFN-CNAF e CINECA

GARR, News, Rete

data center di INFN-CNAF e CINECA

Link ultraveloce a 1,2 Tbps per connettere i data center di INFN-CNAF e CINECA

Una collaborazione tra GARR, INFN e CINECA ha reso possibile la realizzazione di un link ultra veloce in fibra dedicata con capacità fino a 1,2 Terabit per secondo.

Il link connette da qualche settimana i due principali centri di calcolo della ricerca italiana: il centro LHC-Tier1 dell’INFN, ospitato dal Centro Nazionale di calcolo dell’INFN, il CNAF di Bologna, e quello di supercalcolo del CINECA, situato a circa 10 km di distanza.

La latenza, cioè il tempo che impiega un bit d'informazione per viaggiare da un centro all’altro, è minima, tanto da poter considerare i due centri l’uno l’estensione dell’altro. Questa proprietà è stata subito sfruttata dal CNAF per aumentare la propria capacità di calcolo utilizzando i circa 15.000 core disponibili presso il CINECA.

La “riserva” di calcolo si è rivelata utilissima durante le operazioni di ripristino del data center del CNAF dopo l’allagamento dello scorso novembre quando, a causa della rottura di una tubatura dell’acquedotto bolognese, più di 500 metri cubi d’acqua si sono riversati nelle sale del Tier1. Appena ristabilite le funzionalità minime del centro, grazie al link col CINECA progettato in collaborazione con il GARR e dal GARR messo in funzione in tempi record è stato possibile mettere a disposizione degli utenti del CNAF una significativa potenza di calcolo, che ha mitigato la carenza di risorse e il disagio dovuto alle opere di recupero delle piene funzionalità del centro.

“Utilizzando tecnologia all'avanguardia, per la prima volta siamo riusciti a realizzare un collegamento così performante tra due data center distribuiti, rendendoli di fatto come se fossero nello stesso posto - ha dichiarato Massimo Carboni, CTO del GARR - La realizzazione di questo collegamento dedicato, basato esclusivamente sulla trasmissione ottica, è un passo importante che ci guiderà anche nella definizione di una nuova generazione di rete sempre più evoluta. Per il futuro infatti l’obiettivo comune sarà quello di utilizzare infrastruttura GARR di lunga distanza collegando a prestazioni nell'ordine del Terabit i diversi data center sia su scala nazionale che internazionale."

“Al di là dell’importante traguardo tecnologico raggiunto, - sottolinea Gaetano Maron, direttore del CNAF - questa connessione anticipa l’obiettivo strategico di mettere a stretto contatto le due comunità: quella del supercalcolo e quella della gestione di grandi quantità di dati, tradizionalmente separate ma sempre più complementari fra loro e mutuamente interdipendenti”.

Un binomio, questo del supercalcolo e dei big data, che avrà la grande opportunità di essere declinato al meglio entro il 2021, quando entrambi i centri di calcolo saranno trasferiti al Tecnopolo di Bologna, in un’area di circa 6.000 metri quadrati, messa a disposizione dalla Regione Emilia Romagna, e che diventerà la nuova sede anche dello European Centre for Medium-range Weather Forecast (ECMWF, che lascerà l'attuale sede di Reading, in Inghilterra): si verrà così a costituire il più grande polo di calcolo scientifico della ricerca italiana.

Lo sviluppo di attività congiunte tra gli specialisti HPC di CINECA e i ricercatori INFN, è sempre più necessario - afferma David Vannozzi, direttore generale del Cineca - per consentire al mondo della scienza di affrontare le sfide con le migliori tecnologie disponibili per la simulazione dei sistemi complessi e l'analisi di grandi quantità di dati.