Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce.

GARR, News

Sostenibilità digitale ai tempi del Corona Virus

Sostenibilità digitale ai tempi del Coronavirus

Fronteggiare l'emergenza oggi e ripartire domani in maniera sostenibile (a cura del presidente GARR Sauro Longhi)

Nell’articolo per Techeconomy, il Presidente GARR Sauro Longhi ci spiega come, grazie alla disponibilità di infrastrutture di rete capillari e ad alta capacità, come quella che GARR gestisce per gli atenei e gli enti di ricerca, sia stato possibile l’erogazione agevole da parte della maggior parte dell’università italiane di corsi online, in un periodo caratterizzato da una così forte emergenza.

La lezione dell’emergenza sulle infrastrutture digitali: resilienza e sostenibilità ai tempi del coronavirus

logo GARR.tv Vedi gli altri video su GARR.tv

Una sua riflessione va anche al concetto di sostenibilità: oggi tutto quello che stiamo vivendo ci sta portando ad interrogarci su nuovi strumenti che potranno diventare elementi di una nuova e futura sostenibilità dato che, ad esempio, dopo più di un mese di restrizioni, l’inquinamento ha registrato dei cali importanti, e questo è da tenere in forte considerazione nelle nostre decisioni future sull’uso che faremo delle infrastrutture digitali. Inoltre, quando tutto sarà finito, potenziare l’infrastruttura digitale in capacità e capillarità, potrebbe portare ad uno sviluppo economico impensabile, che riequilibrerebbe la distribuzione demografica, estenderebbe le opportunità offerte dal digitale alle aree che al momento non sono sufficientemente coperte, faciliterebbe il lavoro agile e ridurrebbe il consumo energetico. Ma avverte: non dimentichiamoci mai che non c’è trasformazione tecnologica senza formazione digitale, altrimenti corriamo il concreto rischio di spaccare in 2 la nostra società, tra chi sa utilizzare gli strumenti digitali e chi non li sa utilizzare, e questo non possiamo più permettercelo.

Maggiori informazioni