Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce.

GARR, GARRNews

Online il nuovo numero di GARR NEWS

Online il nuovo numero di GARR NEWS

È online il nuovo GARR NEWS! Ricerca marina e laboratori distribuiti, previsioni climatiche e agricoltura mediterranea, la risposta di università e scuole all’emergenza Covid-19, l’evoluzione della dorsale GÉANT e poi cloud, cybersecurity, open source e molto altro!

In questo numero abbiamo dedicato ampio spazio ai mari e alla loro conservazione: in particolare, spieghiamo come il loro monitoraggio, la raccolta di dati di qualità e la condivisione in maniera sempre più veloce possa portare benefici tangibili nelle nostre vite. Vi presentiamo le attività in questo settore di importanti enti come OGS e ISPRA e, sempre nell’ambito della ricerca marina, vi raccontiamo a del progetto Idmar in Sicilia, portato avanti da INFN, CNR e INGV e dell’infrastruttura di ricerca distribuita EMBRC, coordinata in Italia dalla Stazione Zoologica Anton Dohrn (SZN) mettendo in evidenza l’importante lavoro che grandi laboratori distribuiti geograficamente e collegati in rete stanno realizzando quotidianamente, condividendo risorse e lavorando in sinergia.

Ancora, vi raccontiamo di come le università italiane siano riuscite a far fronte alla situazione di emergenza Covid-19, organizzandosi in poco tempo per la didattica a distanza e superando la prova. È stato un argomento di cui si è dibattuto tantissimo negli ultimi mesi e che ha messo in luce l’essenzialità di una rete robusta e simmetrica, ma anche l’importanza di valutare soluzioni per la didattica open source da gestire all’interno delle istituzioni, come ha fatto il Politecnico di Torino.
Parliamo poi di scuole, dell’esperienza del lockdown e di come, al Liceo Varrone di Cassino, da un’emergenza sia nata un’opportunità di innovare, anche sfruttando le potenzialità delle OER (Open Educational Resources).

Mai come in questo periodo il senso di comunità, che ha guidato le scelte di GARR sin dall’inizio, è emerso in tutto il suo significato e, come ha sottolineato la vicedirettrice Claudia Battista nella rubrica “Ieri oggi domani”, lo scambio e il confronto con la comunità GARR giocheranno una parte sempre più importante nei prossimi anni.

In ambito di rete, il concetto di community network ha reso possibile il più grande rinnovamento della rete europea GÉANT degli ultimi 10 anni: con il progetto GN4-3N, infatti, si contribuirà in modo significativo ad abbattere il digital divide, estendendo il collegamento in fibra ottica in molti paesi europei e non solo.

Il senso di appartenenza è anche tra le motivazioni che stanno dando un impulso alla creazione della Federated Cloud Platform, nell’ambito dell’iniziativa ICDI. Allo stesso modo, si è creata una sinergia tra INGV e GARR che ha portato alla creazione di un’unica sala sismica nazionale in cloud basata sul modello della Cloud GARR. E ancora vi presentiamo le iniziative nazionali di cloud e dati fotografate nel recente studio realizzato dal progetto europeo EOSC-Pillar, continuiamo ad aggiornarvi sulla sicurezza e in particolare sugli aspetti legati al protocollo IPv6 e, prendendo spunto dalla celebrazione dei 20 anni del GARR-CERT, ci siamo chiesti come questo servizio sia cambiato tra nuove minacce e motivazioni sempre attuali, nella consueta rubrica dedicata alla cybersecurity.

Buona lettura!

www.garrnews.it

Cosa è GARRNews?