• News e Eventi
  • Insediato il nuovo CdA ed eletto il nuovo Presidente GARR

GARR, News

Maurizio Tira

Insediato il nuovo CdA ed eletto il nuovo Presidente GARR

Si è insediato il nuovo Consiglio di Amministrazione del GARR nominato dall’Assemblea dei Soci ed è stato eletto all’unanimità il nuovo presidente per il triennio 2022-2025 nella persona del prof. Maurizio Tira, rettore dell’Università degli Studi di Brescia.

Ingegnere civile-ambientale, il professor Tira è Ordinario di Tecnica e pianificazione urbanistica presso l’ateneo lombardo, di cui è diventato rettore nel 2016. Vice-presidente è stato eletto all’unanimità il dott. Massimo Bernaschi del CNR.
Dal febbraio 2020 il professor Tira è Membro della Giunta della Conferenza dei Rettori delle Università italiane, con delega all’internazionalizzazione. In questa veste, fa parte del Consiglio di Amministrazione di Uni-Italia e del gruppo di lavoro dedicato alla promozione della cultura e della lingua italiana all'estero della Direzione Generale Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Nell’occasione della nomina, il neopresidente ha dichiarato:

“Per me è un grande onore iniziare il mandato proprio in quest’anno così speciale in cui GARR celebra i vent’anni dell’associazione. Da rettore di università, poter dare il mio contributo alla rete nazionale della ricerca è una grande responsabilità e il mio impegno costante sarà quello di portare tutta la mia esperienza a servizio di questa rete, perché possa continuare a crescere e a mantenere l’eccellenza che l’ha caratterizzata sino ad oggi e che ci è riconosciuta anche a livello internazionale”.

Il professor Tira succede a Sauro Longhi, presidente GARR dal 2014. “È stata un’avventura entusiasmante far parte di GARR in questo periodo così ricco di sfide”, ha dichiarato Longhi. “Abbiamo vissuto cambiamenti importanti e insieme abbiamo fatto in modo di trarne il meglio, continuando a valorizzare le specificità di GARR. Sono orgoglioso di poter continuare a dare il mio contributo come membro del CdA e nel frattempo faccio tanti auguri di buon lavoro al nuovo presidente”.

Al nuovo presidente Tira vanno anche le congratulazioni della direzione del GARR e il benvenuto da parte di tutto lo staff.

Tira presiederà un Consiglio di Amministrazione che vede l’ingresso di molti volti nuovi: Massimo Bernaschi, in rappresentanza del CNR, Marco Ciuchini per l’INFN, Alessandra Petrucci per la Fondazione CRUI, e Marco Paganoni per il MUR vanno ad affiancare il presidente uscente e il rappresentante ENEA Silvio Migliori.

Biografia

Maurizio Tira, rettore dell’Università degli Studi di Brescia, è il nuovo presidente GARR per il triennio 2022-2025. Laureato a pieni voti in ingegneria civile per la difesa del suolo e la pianificazione territoriale, il professor Tira è Ordinario di Tecnica e pianificazione urbanistica presso l’ateneo lombardo, di cui è diventato rettore nel 2016.

Oggi insegna Urban planning and risk mitigation e Etica della sostenibilità ambientale nel corso di laurea magistrale in Civil and Environmental Engineering, fondato in qualità di presidente del Consiglio di Corso di laurea aggregato di ingegneria civile e ambientale.

È componente del collegio di Dottorato in Ingegneria Civile, Ambientale, della Cooperazione Internazionale e di Matematica e del Dottorato nazionale in Sustainable Development and Climate Change.
Ha coordinato numerosi progetti e gruppi di lavoro a livello europeo e dell’OCSE, sui temi della pianificazione urbanistica, con particolare interesse alla pianificazione in aree a rischio e alla mobilità e sicurezza in ambito urbano.

Ha fatto parte della Nuova Struttura Tecnica di Missione del MIT ed è componente della Commissione MIMS per la riforma della normativa nazionale in materia di pianificazione del territorio e del gruppo di esperti MIMS per il Comitato Interministeriale per le Politiche Urbane. Autore di oltre 270 pubblicazioni scientifiche e relatore a innumerevoli convegni in Italia e all’estero è Socio corrispondente dell’Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna e socio ordinario dell’Ateneo di Scienze Lettere ed Arti di Brescia. Dal 20 febbraio 2020 è Membro della Giunta della Conferenza dei Rettori delle Università italiane con delega all’internazionalizzazione.

Dal dicembre 2020 è Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica italiana.

Mggiori informazioni