Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce.

GARR, Rete, Approfondimenti

A Genova, la scuola si lancia versio il futuro

A Genova, la scuola si lancia verso il futuro

La collaborazione tra università e scuola può essere la soluzione vincente per la connettività nelle scuole, come testimonia la storia di un convitto e cinque scuole genovesi che si sono connessi a GARR attraverso la rete metropolitana GenuaNet, realizzata dall’Università di Genova.

“La stabilità della connessione e la sua velocità sono condizioni molto importanti per la scuola e non solo per una maggior efficienza gestionale: quando questi due elementi mancano, i docenti spesso rinunciano a priori all’uso della tecnologia per timore di perdere tempo in frustranti tentativi di connessione. In una situazione simile, anche insegnare ad utilizzare gli strumenti digitali diventa difficoltosa. Tutto ciò ci ha portati a lavorare per una nuova connessione”- ci ha spiegato la professoressa Delfino, referente dell’Istituto Onnicomprensivo annesso al convitto Cristoforo Colombo.
“Conoscevamo GARR, ma pensavamo fosse una prerogativa dell’università e degli enti di ricerca. Dopo aver provato con le amministrazioni locali o degli organi del MIUR abbiamo contattato direttamente GARR e l’Università di Genova, che hanno reso possibile un collegamento dell’Istituto a GenuaNet, la rete metropolitana di Genova.
Dopo vari incontri per studiare la fattibilità, le caratteristiche e i costi del progetto, siamo arrivati alla configurazione dell’infrastruttura di rete dell’Istituto che è oggi attiva. Abbiamo un accesso unificato e protetto da firewall alla rete GARR e a Internet con una velocità di 100 Mbps simmetrici, e la disponibilità di 5 indirizzi IP pubblici per l’accesso ad Internet e per erogare servizi verso l’esterno e una connessione diretta e ad alta velocità tra le sedi dell’Istituto.
Oltre alla velocità e alla stabilità della rete, il vantaggio forse più importante è che questo collegamento ci ha dato la sensazione di essere proiettati verso il futuro: aver scelto fibre ottiche ed essere completamente indipendenti dai provider consente di essere liberi di progettare le future evoluzioni e modificare la topologia della rete secondo le nostre esigenze.
Senza scordare poi il vantaggio organizzativo di avere un unico punto di accesso Internet. Inoltre, dal punto di vista finanziario l’investimento fatto verrà recuperato dalla chiusura dei molteplici contratti di traffico dati. Secondo i nostri calcoli, in meno di 18 mesi riusciremo ad ammortizzare l’investimento una tantum iniziale di posa dei cavi e predisposizione degli apparati e dopo tale periodo riusciremo a garantire all’Istituto un risparmio annuo di quasi 5.000 euro”.

Continua a leggere su GARR News

Maggiori informazioni