Questo sito utilizza i cookie per fornire servizi.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

cloud computing

Parte il piano europeo per il cloud computing

La Commissione Europea ha presentato ieri un ambizioso piano per i servizi cloud e infrastrutture di dati a beneficio di comunità scientifica, imprese e PA che promette all’Europa una posizione di leadership sfruttando i benefici della rivoluzione dei Big Data.

Ancora una volta sarà la comunità scientifica a trainare l’innovazione e le reti della ricerca saranno uno dei pilastri della nuova infrastruttura.
L'Europa è il maggiore produttore di dati scientifici al mondo, eppure il potenziale di questi big data non viene oggi sfruttato al massimo a causa della frammentazione o a volte di vere e proprie carenze a livello di infrastrutture di ricerca. Un’occasione mancata, insomma, a cui la Commissione Europea intende porre rimedio attraverso la creazione di una cloud europea per la “open science” un ambiente virtuale distribuito che entro il 2020 permetterà a qualcosa come 1,7 milioni di ricercatori e a 70 milioni di professionisti della scienza e della tecnologia in Europa di archiviare, condividere e riutilizzare i dati a livello interdisciplinare e internazionale.
L’European Cloud Initiative andrà a poggiare da subito su solide basi: un'infrastruttura di dati europea, con strutture di archiviazione su vasta scala e capacità di supercalcolo adeguata alla elaborazione dei grandi dataset disponibili, il tutto interconnesso ad alta capacità dalla dorsale europea GÉANT e dalle Reti Nazionali della Ricerca, tra le quali, per il nostro Paese, la rete GARR.