This site uses cookies to improve services and experience of readers. If you decide to continue browsing we consider that you accept their use.

We have updated the Privacy Policy and the Cookies Policy to make them clearer and more transparent and to introduce the new rights that the Regulation guarantees you.

  • News & Events
  • Il G7 sottolinea l’importanza delle reti nazionali della ricerca per il futuro dell’ICT

Conferences, News, Network

Kagawa

Il G7 sottolinea l’importanza delle reti nazionali della ricerca per il futuro dell’ICT

Un chiaro e forte riconoscimento all’importanza delle reti nazionali dell’istruzione e della ricerca è stato dato al recente G7 ICT Ministers, il summit sulle telecomunicazioni che si è tenuto a Kagawa in Giappone.

Il vertice, la cui precedente edizione risale a 20 anni fa, è parte di una serie di incontri del Gruppo dei 7 Paesi in programma in diverse località del Giappone tra Aprile e Maggio.

L’incontro ha riunito i ministri competenti in materia di telecomunicazioni di Stati Uniti, Giappone, Regno Unito, Francia, Canada, Germania e Italia più un rappresentante dell’Unione Europea.
I principali temi affrontati sono stati: innovazione e crescita economica, libera circolazione delle informazioni e cybersecurity, utilizzo delle nuove tecnologie per risolvere problemi globali, promozione della cooperazione internazionale per il futuro.
A conclusione del vertice, una dichiarazione congiunta è stata firmata da tutti i ministri e co-firmata dal vice presidente per il Mercato Unico Digitale della Commissione Europea Ansip. Questa dichiarazione è incentrata su tre aree principali: il riconoscimento di un mondo digitalmente connesso, l’impegno al raggiungimento di obiettivi comuni, e la riaffermazione di un approccio multi-stakeholder per gestire lo sviluppo e l’evoluzione di un internet globale.

In particolare, nella Dichiarazione Congiunta si afferma il riconoscimento dell’“importanza dello sviluppo, dell’interconnessione e dell’utilizzo delle reti nazionali dell’educazione e della ricerca che forniscono un’infrastruttura aperta per l’istruzione e la ricerca e sviluppo in grado anche di estendere la connettività in tutto il mondo”.

In un secondo documento, dal titolo “Opportunità di Collaborazione” e allegato alla dichiarazione congiunta, si afferma che “l’Unione Europea auspica una collaborazione continuativa su GÉANT che ha lo scopo di collegare la comunità della ricerca e dell’istruzione a livello globale attraverso una partnership globale”. Il documento ha lo scopo di rafforzare la cooperazione e la collaborazione internazionale per aiutare a compiere le azioni menzionate nella Dichiarazione congiunta.

Questo riconoscimento dell’importanza delle reti nazionali della ricerca e del ruolo centrale di GÉANT è un’ottima notizia. Complessivamente, GÉANT e le reti nazionali connettono più di 50 milioni di utenti tra circa 10.000 istituti in Europa e collegano il continente a più di altri 60 Paesi nel mondo.
L’interconnessione della comunità a banda ultralarga è vitale per promuovere la scienza, arricchire l’istruzione e favorire l’innovazione.

“Nonostante la rete italiana GARR, come la maggior parte delle reti nazionali, sia un’organizzazione indipendente e gestita dalla comunità della ricerca e dell’istruzione, il riconoscimento del G7 è di inestimabile supporto al nostro lavoro”, commenta Federico Ruggieri, direttore di GARR. “Il supporto a livello di policy è la chiave per facilitare la collaborazione scientifica globale nella migliore maniera possibile ed è bello vedere che questo argomento sia parte dell’agenda del G7”.