Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce.

Comunicati stampa

Italia premiata in Europa per l’innovazione tecnologica

Claudio Allocchio, uno dei pionieri della rete GARR, premiato con la medaglia d’onore dalla Vietsch Foundation: importante riconoscimento internazionale per il contributo di idee e innovazioni nel campo del networking

Tallin (Estonia), 17 giugno 2019 - Per la prima volta, la rete della ricerca italiana GARR viene premiata con la medaglia d’onore assegnata dalla Vietsch Foundation per idee innovative e sviluppo di servizi originali nell’ambito ICT.

Ad aggiudicarsi l’ambito riconoscimento è stato Claudio Allocchio, Senior Technical Officer della rete GARR ed esperto di applicazioni avanzate e sicurezza.
La cerimonia di premiazione si è svolta oggi a Tallinn in Estonia, durante l’apertura della conferenza TNC19, il più grande appuntamento europeo per gli esperti di networking.

Claudio Allocchio è stato votato all’unanimità dal comitato di selezione “per gli importanti successi raggiunti nel corso della sua carriera e per il contributo dato alla crescita della comunità mondiale delle reti della ricerca e dell’istruzione”.
Valentino Cavalli, componente del direttivo della Fondazione Vietsch spiega così l’assegnazione del premio: “Il contributo di Claudio Allocchio alle reti della ricerca è stato impressionante in particolare nello sviluppo delle comunità internazionali. È stato un piacere lavorare con lui per molti anni quando era nel direttivo di TERENA e a capo del suo Comitato Tecnico. Sono testimone, inoltre, della sua competenza e dell’entusiasmo con cui successivamente ha contribuito allo sviluppo di LoLa (Low Latency) il servizio audio-video che permette a musicisti e performers di suonare, danzare, recitare insieme a distanza al di là delle distanze geografiche”.

Le parole di Claudio Allocchio esprimono chiaramente la sua visione e il piacere nel cimentarsi con obiettivi ambiziosi: "Sin dagli inizi, ho sempre cercato di utilizzare la rete per consentire alle persone di comunicare più facilmente e meglio tra loro, creando relazioni e comunità. Tutti dovrebbero essere in grado di parlare e inviare messaggi a chiunque, mi sono detto in tempo ormai lontano in cui questo era solo un sogno, e con un gruppo di colleghi abbiamo creato il servizio di posta elettronica globale”.
Era il 1987 e, agli albori della posta elettronica, l’interfaccia dell’utente sviluppata da Allocchio si chiamava “Gmail” – che stava per “Generic mail” e non “Google mail” visto che Google ancora non era lontanamente immaginabile.

“Quando qualche anno dopo ho incontrato un altro sogno apparentemente impossibile - LoLa - cioè far sparire le distanze con un clic del mouse - continua Claudio Allocchio - ho iniziato un'altra avventura, contribuendo a rendere realizzabile quell’idea visionaria. Credo fortemente nella collaborazione, che è il motore fondamentale che muove la comunità della ricerca e dell’educazione in cui tutti sono al pari degli altri: creare uno spirito di comunità, con qualsiasi mezzo, compresa la tecnologia, è il modo di creare innovazione, progresso. Tutto ciò richiede tanto lavoro ma è anche molto divertente!"

Claudio Allocchio – Biografia

Claudio Allocchio nasce nel 1959 a Crema, dove frequenta il liceo. Dimostra di avere un chiaro interesse per la scienza e la tecnologia, che in quegli anni lo porta a coordinare un gruppo di studenti che insieme costruisce e lancia con successo una serie di missili. Si trasferisce poi a Trieste, dove studia astrofisica e fisica delle particelle. Nel 1984 vince una borsa di studio al CERN per applicare le tecniche di elaborazione di immagini astronomiche ai rilevatori della fisica delle particelle ed è poi confermato come ricercatore. In quel periodo si avvicina ai problemi della rete di computer, creando il primo servizio di posta elettronica multiprotocollo per la messaggistica universale: "per pura coincidenza" l'interfaccia utente per accedere al servizio globale si chiama GMAIL.
Inizia anche a collaborare alla creazione di servizi di rete nella comunità di fisica delle alte energie e crea il primo collegamento internazionale tra CERN e Italia. Nel 1988 torna a Trieste, come gestore di rete nella nuova struttura dell’Elettra Sincrotrone Trieste, ed entra a far parte del Gruppo Armonizzazione delle Reti della Ricerca (successivamente divenuto GARR, la rete dell’istruzione e della ricerca italiana) e si occupa di RARE WG1, coordinando la proposta COSINE S2.2 per un servizio di messaggistica globale. Nel 1991, Claudio è uno dei membri di RARE WG1 che aderiscono all'IETF per standardizzare i sistemi di posta elettronica e da allora è coinvolto nell' IETF Application Area, scrivendo, modificando e revisionando un numero significativo di RFC. Presiede anche alcuni gruppi di lavoro, incluso quello di IETF-fax, e prende parte a tutte le attività che riguardavano la messaggistica e le comunicazioni in tempo reale.
Successivamente è nominato alla Direzione Area Applicativa e la presiede prima della creazione della nuova area condivisa Applications and Real Time (ART). A partire dal 1993 è coinvolto nella creazione del registro dei domini ccTLD "it", ed è presidente dell'Autorità nazionale dei nomi dal 1995 al 2005 e consulente del comitato dei nomi di dominio del Ministero della Comunicazione; è stato membro del consiglio consultivo del ccTLD. Claudio ha lavorato in vari ruoli in tutti i progetti GÉANT (come coordinatore della sicurezza e come membro di attività nei settori della multimedialità, sicurezza e policy); è attualmente anche uno dei principali consulenti per il progetto EaPConnect. È stato vice presidente di TERENA per il programma tecnico dal 2001 al 2007 e membro del consiglio di amministrazione. Nel 2005 inizia a collaborare con il Conservatorio Tartini di Trieste, dove è attualmente Chief Network Engineer per lo sviluppo di LoLa. Oltre alla sua formazione in fisica, ha anche studiato seriamente musica al conservatorio (pianoforte).

Vietsch Foundation

La mission della Vietsch Foundation è promuovere la ricerca e lo sviluppo di tecnologie Internet avanzate per la ricerca scientifica e l'istruzione superiore. La Fondazione Vietsch raggiunge i suoi obiettivi in due modi: in primo luogo, contribuisce al finanziamento di specifici progetti di ricerca e sviluppo che dimostrano un potenziale valore per il progresso della rete di ricerca e istruzione europea e globale. E in secondo luogo, ogni anno conferisce una medaglia d'onore a persone che hanno contribuito allo sviluppo di servizi o tecnologie di valore duraturo che vengono utilizzati dalla comunità di networking e dai suoi utenti nella ricerca, sviluppo e istruzione. La Fondazione è nata dalle ultime volontà di Willem Karel Vietsch (1952-2014), un esperto olandese, leader della comunità internazionale di Internet, e anche segretario generale di TERENA, all’epoca l’associazione europea delle reti dell’istruzione e della ricerca.


APPROFONDIMENTI


APPROFONDIMENTI

GARR

GARR è la rete telematica italiana ad altissima velocità dedicata al mondo dell’Istruzione e della Ricerca e offre connettività ad altissime prestazioni e servizi avanzati rendendo possibile la cooperazione internazionale nel campo delle e-Infrastructure. La rete GARR-X è realizzata e gestita dal Consortium GARR, un’associazione senza fini di lucro fondata sotto l’egida del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. I soci fondatori sono: CNR, ENEA, INFN e Fondazione CRUI, in rappresentanza delle università italiane.

Maggiori informazioni

Download

Scarica il comunicato stampa in formato pdf