Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a

prenderne visione.

infrastruttura di rete nazionale

GARR, Italia, Rete

Reti regionali e metropolitane

La rete GARR è interconnessa ad altre reti a livello locale, nazionale e internazionale, al fine di facilitare lo scambio di dati tra la comunità della ricerca e dell’istruzione e i suoi vari interlocutori. Oltre a quelli con le reti internazionali della ricerca e dell’istruzione, tra questi collegamenti vanno citati i peering con le principali reti commerciali e con le reti gestite da pubbliche amministrazioni come Regioni e Comuni.

In particolare, grazie alle collaborazioni con le reti metropolitane e regionali (i cui primi esempi risalgono già alla fine degli anni ’90 nel quadro del progetto GARR-B Reti Metropolitane) è possibile migliorare l’efficienza e la capillarità nel collegamento degli utenti della comunità della ricerca e dell’istruzione in una determinata area geografica.

Oggi, le collaborazioni con le reti regionali e metropolitane includono:

  • Le reti dell’Università di Cassino, Genova, Insubria, Milano, Pisa;
  • Lepida, la rete della Regione Emilia-Romagna;
  • Lightnet, la rete dell’università e degli enti di ricerca di Trieste;
  • UniFInet, la rete del Comune e dell’Università di Firenze;
  • Venis, la rete del Comune di Venezia;